Blog

Errore di Google

No, non si tratta di un errore di posizionamento: l’errore di Google stavolta – perché ce ne sono stati altri? Eh, sì! 😉 – è stato di lasciare troppo aperta la “porta” dei suoi annunci pubblicitari.

Conseguenza? Ha perso 10 Milioni di Dollari – secondo il Financial Times – click più o click meno!

Cos’è successo? Presto detto.

L’errore di Google

L’altroieri, martedì 4 dicembre 2018 per circa tre quarti d’ora invece dei soliti annunci che Google distribuisce in tutto il mondo, un banner giallo a forma di quadrato è apparso su migliaia di siti statunitensi e australiani.

L’errore di Google è dipeso dall’incauto click di un dipendente dell’azienda che, durante un corso sul funzionamento del sistema per la pubblicità di Google ha “semplicemente”… premuto il tasto sbagliato, facendo finire online una finta campagna pubblicitaria di prova con un banner giallo.

Google senza controllo?

Come può Google, il più grande gestore di pubblicità online, permettersi di stare ad un click dal Big Fail? Incredibile ma vero. Che ne diranno gli azionisti? E la Borsa?

L’errore di Google è andato bellamente online senza che vi fosse alcun sistema di controllo e quindi non è stato notato da chi stava tenendo il corso, né dal resto del personale che monitora il sistema, lasciando che il banner giallo andasse online su migliaia di siti nei 45 minuti successivi.

10 Milioni di Dollari? Noccioline.

Google ha confermato l’accaduto ma non ha dato ulteriori effettive informazioni sulla cifra complessiva del danno derivato dall’errore, ma si stima che l’errore possa costare circa 10 milioni di dollari.

Teniamo buona la stima del Financial Times e facciamo un rapido calcolo: 10 Milioni per 45 minuti equivalgono a 13,33 Milioni all’ora, quindi a 320 Milioni di Dollari al giorno vale a dire 116.800 Milioni di Dollari all’anno… Non male per un’azienda come Alphabet, la holding che controlla Google che nell’ultimo trimestre ha prodotto ricavi per 33,7 miliardi di dollari con utili intorno ai 9,2 miliardi di dollari.

Ma, al di là del mero errore – a tutti può capitare – come può un GIGANTE del genere un simile passo falso?

Leave a Reply


Your email address will not be published. Required fields are marked *